(fonte: LA STAMPA)

pixel.gif
pixel.gif
pixel.gif
La denuncia del «Wsj»: codici speciali nascosti nel browser Safari per iPhone
pixel.gif
pixel.gif
immagine.asp?ID_blog=30&ID_file=4617Google ha spiato gli internauti che navigano sul web attraverso Safari, il navigatore di Apple. E’ quanto denuncia oggi il Wall Street Journal, precisando che il colosso Usa di Internet e altre imprese di pubblicità hanno fatto ricorso a codici di programmazione speciali, nascosti nelle istruzioni di Safari, per monitorare e registrare milioni di utenti di Apple.

Google ha disattivato tali codici dopo essere stato contattato dal Wsj, sottolinea il quotidiano. In un comunicato inviato alla testata, il gruppo si è difeso dall’accusa di aver violato la vita privata degli internauti: «Questi cookies non raccolgono informazioni personali».

Da parte sua, un funzionario di Apple ha fatto sapere che il gruppo sta «lavorando per far cessare» questa pratica. Safari è il navigatore Internet più usato sui telefoni multifunzione, grazie al successo dell’iPhone.

L’intrusione di Google è stata scoperta da un ricercatore dell’Università di Stanford, Jonathan Mayer, e confermata in modo indipendente da un ingegnere consultato dal Wsj.